Informativa sulla COOKIE LAW: Questo sito utilizza solo cookie tecnici
 home page   podistica   triathlon   trail   ciclismo   criterium   società   notizie   solidarietà   fototeca   dlf   fidal   aics   links   area riservata   contatti 
Podistica Solidarietà su FacebookPodistica Solidarietà su TwitterPodistica Solidarietà su InstagramPodistica Solidarietà su YouTube

notizie gare podistiche


archivio gare podistiche


calendario gare su strada


calendario gare in regione


calendario gare trail


calendario gare all'estero


11 consigli per la maratona


archivio notizie

L'esordio di una Iron Woman.
di Isabella Calidonna, 25/07/2016

Eccomi a scrivere nuovamente di una gara che non ho vissuto da agonista, bensì da spettatrice, ma che ho sentito comunque mia.
Un’altra gara piena di emozioni, arrivate ancor prima di viverla da spettatrice. Tuutto ha inizio dalla bruttissima notizia della sera precedente. A Gigi si è rotta l’auto. Ha difficoltà lui stesso ad arrivare a Vico il giorno dopo. Rimaniamo in contatto per capire se nell’auto di “cortesia” c’è posto anche per me. Purtroppo nulla. Niente Vico per me. Ero veramente giù di morale, ci tenevo ad assistere all’esordio di Bruna. Purtroppo me lo sarei perso.
Stavo già organizzando un sabato di pieno studio e tristissimo, quando mi arriva un messaggio direi provvidenziale. È (santo) Roger che mi chiede di portare il pc il giorno dopo, così da poter passare tutte le foto delle varie gare fatte da Jessica. Io gli dico che purtroppo non ci sarò e i motivi. Mi chiede come può aiutarmi (parole stupende), ma io non lo so proprio, vive anche lontano. Mi chiede se riesco ad arrivare a Prima Porta. Faccio subito una ricerca e scopro che ci sono i trenini, così gli comunico che riesco ad arrivare e anche prima dell’orario da lui stabilito. Le 8. Avevo paura di arrivare tardi e creargli problemi per la gara. Ci mettiamo d’accordo e vado a nanna contenta. Decido di non dire nulla a Gigi e Bruna, così da fargli una sorpresa. Preparo anche lo zainetto con tutto il necessario per nuotare, vorrei potermi almeno allenare… vedremo. Arriva il mattino. Ometto l’ora in cui mi sono alzata, anche se qualcuno credo lo abbia intuito. Tanto normale non sono :D
Scopro che le pagine web che avevo consultato mi avevano dato orari completamente sbagliati poiché arrivata alla stazione di flaminio mi accorgo che ci sono trenini ogni 10 minuti!!! Vi dico solo che ridevo sola!
Arrivo a Prima Porta e dopo un po’ arrivano Roger e Jessica. Ci avviamo così al lago. Arriviamo e iniziamo a vedere le prime facce amiche. Maurizio per primo. Poi Alessandra, Giampiero. Arrivano tutti. Da lontano vedo la macchina di Gigi e Bruna. Mi nascondo e quando vedo arrivare Gigi sbuco fuori (ero dietro Maurizio, quindi ero nascosta bene!!! :D) !!! Vedo lo sguardo di sorpresa di Gigi… bellissimo! Lo abbraccio, ma cerco Bruna che era più dietro. Le corro incontro. Non mi riconosce subito, ma appena anche lei mi riconosce corre verso me e ci abbracciamo. Più tardi mi confesserà che l’avermi vista gli ha dato la carica. Mai sentite parole più belle.
Pian piano arrivano tutti e realizzo che siamo proprio un bel gruppo. Scambiamo battute, risate e ascoltiamo le rocambolesche avventure sportive di Maurizio :D.
Iniziano a prepararsi e come sempre li osservo attentamente. Si avvicina il momento della partenza e si schierano tutti. Io mi accovaccio, voglio fare le foto dal basso alla partenza. Però, distolgo lo sguardo da loro e vengo catturata dallo specchio d’acqua e dalle boe. Le guardo e per la prima volta ho paura (questa volta fuori dall’acqua!). Li osservo partire, uomini e poi donne. Osservo, come sempre, le bracciate. “Non ce la farò mai” penso. Osservo i primi uscire. Ci mettono pochissimo, io in piscina ci metto 20 minuti e sono calata di due. Devo fare ancora tanto lavoro. Voglio abbassarli sti tempi. Devo mettermi ancora più sotto.
Comunque le mie attenzioni sono tutte per la gara di Bruna. Tiferò per tutti, ma seguirò principalmente lei. Che dire. Bruna è stata ed è una grande. Un esempio di forza e tenacia. Un concentrato di resilenza fantastica.
La vedo avvicinarsi alla riva e così inizio ad incitarla. Esce dall’acqua e la seguo verso la T1 (visto che sto migliorando anche col lessico!? :D)
Seguo la frazione bike con Gigi e Claudia e poi mi riavvicino alla T2. Continuerò ad incitarla e così è stato quando ha iniziato la frazione della corsa. Da lontano vedo Roger muoversi e seguirla. Intuisco che farà la frazione con lei, una cosa bellissima. Amicizia, solidarietà tutte nel nostro gruppo. Aspettiamo Bruna fino al taglio del traguardo, la seguiamo tutti e insieme a lei gioiamo.
Pensate che ha fatto gli ultimi 100 metri con uno scatto da felino!!! Un mito!!
Alla fine tutti gli abbracci e i baci sono per lei. Tutto questo mi ha commossa, come mi ha commossa lo sguardo di Gigi e l’abbraccio che le dava. Mai vista così tanta tenerezza. Sapete anche cosa? E’ salita sul podio! Lo ripeto, è mitica!
È stata una giornata fantastica, credetemi. Ricca di belle emozioni. Alla fine ci siamo ritrovati tutti intorno ad un tavolo, chi in piedi chi seduto. Si faceva a turno. Mi sono sentita in famiglia. Un’altra bella e importante famiglia. A voi tutti che leggete dico grazie. Nella vita di una persona ci sono tante fortune. Voi siete una di queste nella mia. Grazie per tutto quello che mi date, semplicemente.
Isa




File Attachment Icon
Bruna150.jpg
File Attachment Icon
roger600.jpg