Informativa sulla COOKIE LAW: Questo sito utilizza solo cookie tecnici
 home page   podistica   triathlon   trail   ciclismo   criterium   società   notizie   solidarietà   fototeca   dlf   fidal   aics   links   area riservata   contatti 
Podistica Solidarietà su FacebookPodistica Solidarietà su TwitterPodistica Solidarietà su InstagramPodistica Solidarietà su YouTube

NOTIZIE SOCIALI


tinforma


notiziario tiburtino


podistica in pillole


VIDEOTECA


ritratti orange


sezione di nettuno


bacheca della solidarietà


archivio notizie

Dodici mesi di corsa e di solidarietà
di Maurizio Zacchi, 23/12/2012

Anche quest’anno abbiamo sudato, abbiamo sofferto, abbiamo conquistato traguardi, abbiamo macinato chilometri.

Qualche volta abbiamo esultato, qualche volta abbiamo imprecato e una volta abbiamo anche pianto, lacrime amare pensando a Carlo.

Abbiamo sorriso, ci siamo abbracciati, ci siamo stretti mano nella mano, ci siamo dati pacche sulle spalle e buffetti sulle guance, ci siamo spesso spesso sostenuti e complimentati a vicenda.

Qualche volta ci siamo sfidati, abbiamo messo a dura prova i nostri limiti, per renderci poi conto che quei limiti non esistevano.

Abbiamo fatto cose che non ritenevamo possibili e qualche volta, raramente, ci siamo anche arresi, di fronte all’evidenza di un infortunio o di una condizione precaria.

Abbiamo affrontato il caldo, il freddo, la pioggia, il vento e la nebbia, eppure le nostre gambe hanno continuato a girare.

Abbiamo corso quando c’era da correre, lavorato quando c’era da lavorare e festeggiato quando c’era da festeggiare.

Siamo passati attraverso le difficoltà della vita senza scomporci troppo e abbiamo affrontato la quotidianità sempre a testa alta.

Qualcuno ha realizzato il suo sogno e qualcuno lo realizzerà, ma tutti abbiamo contribuito a portare in alto il nome e il prestigio di questa società. Abbiamo portato la canottiera orange cucita addosso come una seconda pelle per dodici lunghi mesi.

Dodici lunghi mesi vissuti di corsa, ognuno secondo le proprie capacità, dal più veloce al più lento, senza soluzione di continuità.

E la cosa più importante di questo lunghissimo anno è che tutti, ma proprio tutti, abbiamo contribuito a regalare un sorriso a chi nella vita è stato meno fortunato di noi, la più bella medaglia che potessimo mai conquistare.

A tutte queste persone straordinarie che oggi sento un po' come parte della mia famiglia auguro tanta, tanta, tanta serenità...ve la siete meritata.

Mr. ZAC




File Attachment Icon
auguri-2012(l).jpg
File Attachment Icon
zacchipicc.jpg