Informativa sulla COOKIE LAW: Questo sito utilizza solo cookie tecnici
 home page   podistica   triathlon   trail   ciclismo   criterium   società   notizie   solidarietà   fototeca   dlf   fidal   aics   links   area riservata   contatti 
Podistica Solidarietà su FacebookPodistica Solidarietà su TwitterPodistica Solidarietà su InstagramPodistica Solidarietà su YouTube

notizie gare podistiche


archivio gare podistiche


calendario gare su strada


calendario gare in regione


calendario gare trail


calendario gare all'estero


11 consigli per la maratona


archivio notizie

La tigna delle ultime arrivate
di Isabella Calidonna, 21/03/2017

Gli orange prima della partenza della gara di Rieti

Gli orange prima della partenza della gara di Rieti

19 marzo 2017. Lunghissimo di Rieti. La mia prima gara su questa distanza. Avevo già fatto lunghissimi di preparazione per le maratone, ma in solitaria, questa è stata la mia prima volta in gara. E come sempre non è stato facile. Ma partiamo dall'inizio.
Ore 5. Mi sveglio. Ho un appuntamento con i miei Amici Orange alle 6.45, quindi non voglio fare tardi, inoltre voglio fare le mie cose con calma. Il rito del caffè è immancabile. Il resto è già pronto. Colazione, zaino ho tutto sotto controllo. Forse è un mio difetto, ma adoro organizzarmi. Credo sia colpa del mio ascendente, forse...
Come da tabella (sembro Furio) esco di casa e mi avvio verso la metro. Immancabili i Muse nelle orecchie che mi caricano. Scendo a Eur palasport, ma sbagliando allungo parecchio il tragitto che mi porta al luogo dell'appuntamento. Per fortuna arrivo alle 6.45 spaccate. Vedo due figure conosciute, Claudio e Tiziana. Conosco anche Anna e il marito e fuori dal pullman incrocio facce conosciute e non. Sarà un modo per conoscerci meglio.
Scopro che mancherà Marco Taddei per problemi personali. Altri Orange sono in viaggio per conto proprio, ma saremo in tanti a Rieti.

Ho tanta fame e non ho ancora fatto la colazione delle campionesse, chiedo a Tiziana se le do noia se mangio (siamo sedute vicine) mi dice di no, così "apparecchio" e mangio le mie solite cosine. Pane tostato con miele, fragole, avocado e un leggero te. Ci fermiamo a prendere il resto della ciurma e si parte.
Durante il viaggio c'è chi scambia due chiacchiere, chi ronfa e chi ascolta musica, come me. Ascolto e osservo fuori. Ho un pochino di ansia, ma i Muse sanno come caricarmi.
Arriviamo a Rieti. Lì incontriamo tutti. Ricevo tanti baci e l'abbraccio, anzi gli abbracci di Marco Novelli. Dopo aver ricevuto i pettorali ci andiamo a cambiare, foto di rito e ad un certo punto... Marco mi guarda e mi dice che forse sono un pochino troppo coperta. Avevo i manicotti e le calze di Wonder Woman che mi coprivano tutta. Non avevo un lembo di pelle allo scoperto. Mi hanno detto che avrei sentito caldo. Avevano ragione. E li ringrazio per questo, in special modo Marco.
La giornata era calda, alcuni tratti ventilati, altri meno. In alcune parte sterrate il terreno era così bianco che abbagliava e amplificava la luce del sole. C'è da dire che ci siamo abbronzati. E io in quei tratti ho rimpianto il cappellino (c'era tanto sole) e un paio di occhiali, che non uso mai ma sono utilissimi, specialmente in gare come quella di ieri.

La gara non è andata benissimo alcune sorprese sul percorso mi hanno presa in contropiede e ne ho risentito. Intorno al 14°\15° km abbiamo attraversato una parte sterrata. Mi sono irrigidita perché non me l'aspettavo e sono arrivati i crampi. Forse non mi sarò idratata neanche bene. Sta di fatto che, un po' la sfortuna, un po' la mia rigidità mentale, non ho condotto una buona gara.
Ho continuato a correre ma molto lentamente. Il secondo giro di sterrato l'ho fatto camminando. Ho pensato di fermarmi, ma volevo finire il mio lungo di preparazione. Sapevo che avrei potuto fare danni, ma volevo finire. Sono stata incosciente, ma sono capatosta e spesso non è un pregio, ma è un lato del mio carattere, del mio essere.
Arrivo a 300 metri dalla fine e mi viene incontro Tiziana. Mi aiuta a fare gli ultimi metri. Batto il cinque con Germana, come al 24° con Cristina. Gli Orange mi incitano, mi vedono provata ma ci sono. Sono tutti lì. Sono felice di questo. La prima gara dove ci sono praticamente tutti.
Dopo aver bevuto, vado a prendere il pacco gara e ho una sorpresa. Sono 4ª di categoria! Non ci credevo e se ne accorge anche uno degli organizzatori. Olio e salame il mio premio. Non potevo avere di meglio!! Ci cambiamo tutti e saliamo sul bus che ci riporterà a Roma.
Lungo il tragitto penso. Un rumore particolare mi fa trasalire. Ma va bene così. Ho fatto il mio lungo, nel bene e nel male, ora mi aspetta il mio viaggio!!


Isabella impegnata nel lunghissimo pre maratona

Isabella impegnata nel lunghissimo pre maratona

Gara: Lunghissimo di Rieti... Aspettando la Maratona (TOP) (19/03/2017)

SCHEDA GARA



File Attachment Icon
g.jpg
File Attachment Icon
p.jpg