Informativa sulla COOKIE LAW: Questo sito utilizza solo cookie tecnici
 home page   podistica   triathlon   trail   ciclismo   criterium   società   notizie   solidarietà   fototeca   dlf   fidal   aics   links   area riservata   contatti 
Podistica Solidarietà su FacebookPodistica Solidarietà su TwitterPodistica Solidarietà su InstagramPodistica Solidarietà su YouTube

NOTIZIE SOCIALI


tinforma


notiziario tiburtino


podistica in pillole


VIDEOTECA


ritratti orange


sezione di nettuno


bacheca della solidarietà


archivio notizie

Due napoletani fantastici
di Attilio Di Donato, 18/01/2011

C’ erano una volta un uomo e una donna napoletani,

lui di cognome Poli e lei Settimia, studenti in matematica. Si amavano a tal punto da annullarsi uno per l’altra, così come si annullano i monomi simili di segno opposto. Il prodotto dell’unione fra questi giovani ventenni e innamorati era un bel bambino del peso di quattro chili circa, un notevole prodotto del loro amore, o meglio, un “prodotto notevole” difficilmente scomponibile.

Praticamente pesava piu’ della media degli altri bambini. I genitori decisero di chiamarlo Nomio e così nacque, il giorno 2 di un anno ics un bambino di cromosoma xy che si chiamava Poli Nomio.

Crescendo cominciò ad andare a scuola e alle elementari si mise a studiare con un amico bravissimo in italiano che si chiamava Eugenio e che appena arrivava gli amici a scuola dicevano: oilloc, (cioè eccolo), è u genio!!!! Lui si girava e diceva: “ma che volete da me? fatemi sta tranquillo!!”

Ma tranquillo non lo facevano mai stare perché nei compiti tutti si mettevano vicino a lui per scopiazzare ciò che lui scriveva. In un tema, il classico tema che danno a scuola e che era intitolato "parlate del vostro compagno di banco", il compagno di banco copiò tutto il suo tema ed uscirono due temi uguali. Lo scopiazzatore prese 10 e sto povero Eugenio prese zero spaccato, perché la maestra pensò che lo scopiazzatore fosse lui.

Ma torniamo al nostro figlio di matematici, il nostromo, no scusate il nostro Nomio.
Abitava a via Quintavalle, non è una bugia, è una via che esiste a Grumo Nevano, in provincia di Napoli, dove io sono cresciuto (o forse non sono mai cresciuto, mi sono solo allungato, ma questo è un altro discorso…).

Veniva a scuola con una bici con le ruote di un solo raggio perché una volta l’aveva fermata la maestra di matematica e gli aveva chiesto la circonferenza delle due ruote. A questa domanda non seppe rispondere ma tornato a casa tolse tutti gli altri raggi è moltiplicò soltanto un raggio per tre e quattordici.

Il giorno dopo Nomio arrivò a scuola con le due ruote ammaccate ma dette la risposta giusta alla professoressa di matematica il quale lo premiò regalandogli un bel 8 ma se voleva aumentare gli disse di vedersi il film “Otto e mezzo di Fellini”.

Eugenio e Nomio diventarono amici per la pelle, studiavano insieme. Nomio in quattro e quattro otto impararò la grammatica, Eugenio fece piu’ difficoltà ma in qualche modo imparò i modi dei verbi e alla fine imparò benissimo anche il latino, in modo perfetto direi, anzi piu’cchèperfetto.

Giocavano anche insieme, Eugenio, che sapeva i vocaboli a memoria, voleva giocare allo scarabeo napoletano, che si chiama “scarafone”, mentre Nomio insisteva sempre nel giocare a dadi perché gli usciva sempre 13, non so perché, forse perché era fortunato.

Questi due campioncini li ho rivisti con immenso stupore l’altro giorno qui a Novara . Adesso hanno entrambi la mia età. Eugenio non lavora ancora ma spera di lavorare in una scuola di esperanto che a breve apriranno qui in zona, nel frattempo impartisce lezioni di parolacce napoletane ai novaresi che non vogliono essere presi per i fondelli da sti terroni invadenti.

Nomio lavora a cottimo in una fabbrica di riso e lo pagano in base a quanti chicchi riesce a contare al giorno. Per ogni mille chicchi contati gli danno un euro, quei 40 cinquantamila chicchi riesce a contarli, poi va a casa e si mangia un arancino da un chilo altrimenti, causa lo stress sul lavoro, se si dovesse preparare un piatto di riso si dovrebbe contare pure quelli, e gratis.

Morale della favola:
due personaggi meridionali con un cervello da far invidia a Chicche e Sia, son dovuti emigrare da Napoli a Novara per un pugno di dollari, o per qualche dollaro in più, scegliete voi. Ne è valsa la pena? E che ne so io? Io song e Bolzano

Ciao a tutti amici della Podistica e ciao al Presidente, ce l'avete no un Presidente?

Attilio




File Attachment Icon
totopeppino.jpg
File Attachment Icon
orologiomatematico.jpg
File Attachment Icon
defilippo.jpg