Informativa sulla COOKIE LAW: Questo sito utilizza solo cookie tecnici
 home page   podistica   triathlon   trail   ciclismo   criterium   società   notizie   solidarietà   fototeca   dlf   fidal   aics   links   area riservata   contatti 
Podistica Solidarietà su FacebookPodistica Solidarietà su TwitterPodistica Solidarietà su InstagramPodistica Solidarietà su YouTube

NOTIZIE SOCIALI


tinforma


notiziario tiburtino


podistica in pillole


VIDEOTECA


ritratti orange


sezione di nettuno


bacheca della solidarietà


archivio notizie

Ad Majora, con i miei amici Oranges!
di Daniela Paciotti, 26/10/2010

Daniela riceve ll meritatissimo premio

Daniela riceve ll meritatissimo premio

Cari Oranges,

domenica si è corso il 7° Trofeo della Podistica Solidarietà, il primo con la mia partecipazione, sofferta ma bella come tutte le gare che ho vissuto quest’anno, (10 mesi per precisione) di mia appartenenza alla Podistica.

Non ho mai amato la corsa, tantomeno la corsa di “resistenza” (qualcuno mi ha visto “sfrecciare” stanca ma non distrutta negli ultimi 60 metri di qualche gara?) così, dopo anni di sport acquatici, ho deciso di tirare i remi in barca, uscire dall’acqua e cominciare a correre, piano all’inizio, ma con grande determinazione.

Con la mia amica Giuseppina abbiamo provato con Telethon, ci è piaciuta (anche se dietro noi levavano le transenne) e su indicazione di Alessandra ci siamo iscritti alla Podistica Solidarietà.

A gennaio la mia prima agonistica, con quasi nullo allenamento, nella corsa di Miguel! Ho sofferto, sembrava non finire mai, la piccola salita di ponte Milvio mi sembrava il K2, ma sono arrivata e neanche ultima!!

Così, con il coraggio di lottare solo per superare i miei limiti ho cominciato a correre:
dai 5000 ai 21 km con la determinazione e il coraggio che forse solo una OVER ‘ è in grado di trovare in se stessa.

Certo dalla mia ho sempre avuto la “testa” e il “cuore”, non soltanto fisici, dello sportivo, ma la sofferenza nelle gambe l’ho provata tutta!!!!!

Mi sono concessa le gare più pesanti, quelle che solo a nominarle incutono rispetto, gare come la Jennesina, la Speata, l’Amatrice-Configno, mi sono concessa piccole gare in cui il traguardo era una lotta tra ultimi …

Non mi sono spaventata quando dietro di me, c’era solo la Protezione Civile che mi chiedeva se mi sentivo bene, non mi sono fermata davanti alle salite più dure e alle discese più invitanti.. con i miei ritmi, magari ultima, alternando anche la camminata alla corsa per evitare i crampi, a volte con le lacrime agli occhi, ma non ho mai mollato: sono sempre arrivata al traguardo!

Ho scoperto, correndo, la solidarietà, il sorriso di incoraggiamento, le parole degli amici, (gli oranges che hanno condiviso il mio sudore in questi mesi).

Ho amato gli applausi della gente, delle donne per strada che vedevano in me una parte di loro, un po’ più anziana o un po’ più stanca, che le rappresentava e che andava incoraggiata.

Ho apprezzato tutti quelli che correvano con me, avanti a me, o che, tornando indietro mi davano indicazioni per finire il percorso.
Sono riuscita a fare persino una mezza maratona senza allenamento!

Coraggio, follia… ma senza un pizzico di follia l’uomo dove mai sarebbe arrivato?

Ieri, a coronamento, il mio premio del Criterium Estivo, inaspettato e gradito: 11° non male per una che l’anno scorso di questi tempi non sapeva nemmeno cosa fosse una corsa..

Ma, forse a pensarci bene, non lo so ancora cosa significhi correre, ma una differenza c’è: Ora Corro!

Ringrazio tutti gli Oranges che mi hanno sostenuto, anche senza saperlo, anche solo con un sorriso di incoraggiamento!

Ma soprattutto..

Ringrazio il nostro Presidente Pino Coccia, che è stato sempre disponibile con indicazioni, consigli, persino dedicandomi l'attenzione totale nella gara "Per Antiqua Itinere”.

Beh fatemelo dire: AD MAJORA!!!!


Daniela Paciotti

Daniela Paciotti



File Attachment Icon
paciottitrofeopicc.jpg
File Attachment Icon
paciottitrofeopremiazione.jpg