Informativa sulla COOKIE LAW: Questo sito utilizza solo cookie tecnici
 home page   podistica   triathlon   trail   ciclismo   criterium   società   notizie   solidarietà   fototeca   dlf   fidal   aics   links   area riservata   contatti 
Podistica Solidarietà su FacebookPodistica Solidarietà su TwitterPodistica Solidarietà su InstagramPodistica Solidarietà su YouTube

NOTIZIE SOCIALI


tinforma


notiziario tiburtino


podistica in pillole


VIDEOTECA


ritratti orange


sezione di nettuno


bacheca della solidarietà


archivio notizie

I Racconti del Guss. Un pò e un pò...
di Attilio Di Donato, 30/09/2011

A volte mi domando e dico: Ma ci sono o ci faccio? La risposta è: un po' e un pò.
Metti l'altra sera: torno dal lavoro e salgo sul treno Milano-Torino che porta a Novara.

Dopo la partenza mi addormento. Mi sveglio e mi ritrovo a Novara, ma le porte erano già chiuse.
Vado dal controllore "ngrifato" come un gatto e gli dico. "Scusi mister pinzatore, ma perché non mi ha svegliato, visto che dovevo scendere a Novara?"
E lui che mi risponde? "La vedi sta pinza che ho in mano? Serve a timbrare i biglietti, mica a bucare le orecchie a chi si addormenta sui treni e si dimentica di scendere?". "Ho capito amico, avrai pure ragione. Io ho l'abbonamento e tu a me il biglietto non lo buchi, ma io ti vedo passare avanti e indietro ogni sera e sei sempre lo stesso quindi ti dovresti ricordare che quel tipo con la faccia da topo scende a Novara ogni sera. Ogni sera! Questo cosa vuol dire? che io a Novara ci abito no?" "Ah si? e a che via?" "A via Valsestino 4".
"Bene amico, sai che ti dico a questo punto?" Che mi fai vedere l'abbonamento, dove io posso ricavare il tuo nome e cognome e io ti  faccio una bella multarella per mancanza di biglietto nella tratta Novara-Vercelli, che è la prossima fermata".

A questo punto parte il mio senso di colpa per non aver taciuto, aspettato che il treno arrivasse a Vercelli e scendere senza emettere fiato. Ma ormai la frittata è fatta: 2 euro e 75 più 2 euro di multa per  biglietto fatto sul treno. A questo punto il control man mi fa: "a posto amico?" A postissimo dico io, e scusa il disturbo.
Felicissimo, torno a sedere. Arrivo a Vercelli e scendo.

Pensa che ti ripensa, realizzo che l'unico modo per tornare a Novara è prendere il treno nella direzione opposta, ossia quello che viene da Torino. Adesso ho in tasca: un abbonamento mensile Novara Milano e un biglietto Novara Vercelli col sovraprezzo ma non voglio correre rischi. Vado alla biglietteria di Vercelli e faccio un altro biglietto solo andata per Novara. Poi ci ripenso, rifaccio la fila e mi faccio fare anche un sovraprezzo per biglietto fatto sul treno sulla tratta Vercelli Novara.

Il bigliettaio a quel punto mi dice: "amico, io mi domando e dico, ma tu ci sei o ci fai?" io rispondo: "un po' e un pò". "Qui il sovraprezzo non si può fare ma visto che visto che sei "un po' e un pò" te lo faccio: sono due euro più due euro e 75 per il biglietto fatto sul treno. A posto?" "Appostissimo amico". 

Arriva il treno da Torino per Novara e ci monto su. Corro dal controllore e gli dico: "amico, ho tutto regolare: abbonamento, biglietto Vercelli Novara e sovraprezzo per biglietto fatto sul treno".
"Non ci siamo amico", risponde lui, "tu dovevi fare solo il biglietto senza il sovraprezzo, ma chi è stato quel provolone che ti ha fatto il sovraprezzo?" "eccolo qui, rispondo io". Era lui, il bigliettaio di Vercelli che aveva finito il suo turno e tornava a Novara dove abitava e si era seduto accanto a me.
Allora il control man si rivolge al collega e dice: "ma ci sei o ci fai?" e lui risponde: "un po' e un pò". Fine della storia.

Ringrazio Trenitalia per avermi dato la possibilità di raccontarla. 




File Attachment Icon
treno1.jpg
File Attachment Icon
treno2.jpg