Informativa sulla COOKIE LAW: Questo sito utilizza solo cookie tecnici
 home page   podistica   triathlon   trail   ciclismo   criterium   società   notizie   solidarietà   fototeca   dlf   fidal   aics   links   area riservata   contatti 
Podistica Solidarietà su FacebookPodistica Solidarietà su TwitterPodistica Solidarietà su InstagramPodistica Solidarietà su YouTube

NOTIZIE SOCIALI


tinforma


notiziario tiburtino


podistica in pillole


VIDEOTECA


ritratti orange


sezione di nettuno


bacheca della solidarietà


archivio notizie

11.... Abebe Bikila
di Giuseppe Coccia, 27/08/2010

Abbiamo ricevuto questa notizia e volentieri la facciamo girare... 

Il 10 settembre prossimo, saranno passati, 50 anni esatti, dall'impresa di Abebe Bikila.

La maratona, alle Olimpiadi di Roma, per la prima volta, fu vinta da un campione africano.

Un evento, che ha mutato lo scenario atletico mondiale, portando, sotto i riflettori, il grande continente e imponendo, per sempre, al mondo podistico internazionale, nuovi ritmi  con cui confrontarsi.


“Bikila porta un nuovo modo di correre la maratona: attaccando, ma nella consapevolezza di avere sufficienti riserve per portare a termine la gara in condizioni accettabili” 
(Tratto da : “Un sogno a Roma - Storia di Abebe Bikila", di Giorgio Lo Giudice e Valerio Piccioni)

L’impresa di Abebe Bikila vive ancora, noi la ricorderemo insieme.
C’è un appuntamento a Roma, sabato 11 settembre alle ore 17.00
Presso lo stadio di atletica
Nando Martellini - Terme di Caracalla.
Per ricordarlo e correre insieme l’ultimo km della maratona fin sotto l’Arco di Costantino…scalzi


Una corsa non competitiva, per contrastare il silenzio delle Istituzioni locali che, nonostante annunci e promesse, non hanno voluto organizzare un evento sportivo, celebrativo, della Maratona delle Olimpiadi del 1960
.
L’epitaffio, sulla lapide di Abebe Bikila, recita :
“Gli uomini di successo incontrano la tragedia. È stato il volere di Dio se ho vinto le Olimpiadi, ed è stato il volere di Dio a farmi incontrare l'incidente. Ho accettato quelle vittorie come accetto questa tragedia. Devo accettare entrambe le circostanze come avvenimenti della vita e vivere felicemente”

ed è scritto in tre lingue, una delle quali è l’italiano, a dimostrazione di quanto è stata importante l’Olimpiade di Roma per lui.

Noi romani, abbiamo l’occasione di rendere omaggio, ad un grande campione, entrato nella storia, passando per Roma.

Non mancate!

Roma, 10 Settembre 1960-2010.

L’impresa di Abebe Bikila vive ancora




File Attachment Icon
bikilabig.jpg
File Attachment Icon
bikilapicc.jpg
File Attachment Icon
bikilascalzo.jpeg