Informativa sulla COOKIE LAW: Questo sito utilizza solo cookie tecnici
 home page   podistica   triathlon   trail   ciclismo   criterium   società   notizie   solidarietà   fototeca   dlf   fidal   aics   links   area riservata   contatti 
Podistica Solidarietà su FacebookPodistica Solidarietà su TwitterPodistica Solidarietà su InstagramPodistica Solidarietà su YouTube

NOTIZIE SOCIALI


tinforma


notiziario tiburtino


podistica in pillole


VIDEOTECA


ritratti orange


sezione di nettuno


bacheca della solidarietà


archivio notizie

Trekking sui Monti Sibillini e della Laga
di Roberto Mengoni, 09/06/2011

Roberto e la sua provvidenziale Giacchetta

Roberto e la sua provvidenziale Giacchetta


Ciao amici orange e del Corso di Podismo

in questi ultimi giorni mi son concesso una vacanza sportiva, con un trekking di 4 giorni sui Monti Sibillini e della Laga.

La Podistica è arrivata (via giacchetta) fino alla cima del Pizzo di Sevo a 2430 metri.

La giacca si è rivelata perfetta anche per la montagna e contro la pioggia incessante di questi giorni, la consiglio a tutti.

Un caro saluto.

Roberto Mengoni


--------------------------------
alcune informazioni
Dalla SS 4 Salaria si raggiunge S.Angelo, frazione di Amatrice, e da qui si imbocca una sterrata (indicazioni "Macchie Piane") percorribile anche con auto normali, che in 8 chilometri conduce a quota 1580 dove si parcheggia .
Già da qui i panorami sono splendidi in direzione di Amatrice, dello Scandarello e del Terminillo. Si prosegue a piedi lungo le evidenti tracce che risalgono il prato e ripidamente aggirano una macchia. Superata quest'ultima il sentiero piega bruscamente a destra (mt. 1810 ca.) e poi prosegue in piano a mezza costa aggirandi il Colle dell'Orto, superando alcuni fossi con splendide cascate fino a condurre con un'ultima facile pettata al Vado di Annibale (mt. 2119), la sella che separa il Pizzo di Sevo da Cima Lepri. Da qui in 50 minuti si perviene al Pizzo di Sevo (verso sinistra) o in altrettanto tempo alla Cima Lepri (verso destra).

un po' di geografia e non solo

I Monti della Laga
La catena corre lungo il confine tra l’Abruzzo, le Marche e il Lazio a cavallo tra le province di L'Aquila, Teramo, Ascoli Piceno e Rieti, per la lunghezza complessiva di 24 km.
La catena della Laga è divisa a nord dai Monti Sibillini mediante la valle del Tronto percorsa dalla via Salaria, e a sud dalla catena del Gran Sasso dalla suggestiva stretta valle del fiume Vomano che culmina a monte con il Passo delle Capannelle e con il Lago di Campotosto; oggi attraversata dalla Statale 80, un tempo era percorsa da un ramo dell'antica Via Cecilia di cui si sono trovate testimonianze.


I Monti Sibillini
sono un massiccio situato a cavallo tra Marche e Umbria, nell'Appennino umbro-marchigiano lungo l'Appennino centrale. Si trova tra le province di Ascoli Piceno, Fermo, Macerata, Perugia.
I Monti Sibillini sono fondamentalmente costituiti di rocce calcaree, formatesi sui fondali di mari caldi. Le cime superano in molti casi i 2.000 m di quota, come la maggiore del gruppo, il monte Vettore (2.476 m s.l.m.), il Pizzo della Regina o monte Priora, il monte Bove e il Monte Sibilla.


Roberto Mengoni

Roberto Mengoni



File Attachment Icon
laga.jpg
File Attachment Icon
sibillini.jpg
File Attachment Icon
mengonibig.jpg
File Attachment Icon
mengonipicc.jpg