Informativa sulla COOKIE LAW: Questo sito utilizza solo cookie tecnici
 home page   podistica   triathlon   trail   ciclismo   criterium   società   notizie   solidarietà   fototeca   dlf   fidal   aics   links   area riservata   contatti 
Podistica Solidarietà su FacebookPodistica Solidarietà su TwitterPodistica Solidarietà su InstagramPodistica Solidarietà su YouTube

NOTIZIE SOCIALI


tinforma


notiziario tiburtino


podistica in pillole


VIDEOTECA


ritratti orange


sezione di nettuno


bacheca della solidarietà


archivio notizie

Come correre sull’acqua
di Marziale Feudale, 10/07/2007

Dicono che migliaia di anni fa, qualcuno che poi è diventato famoso, sia riuscito a camminare sull’acqua. Lungi da me fare paragoni blasfemi, non siamo agli stessi livelli ma la sensazione che ho provato io, è assolutamente da raccontare: ho corso sull’acqua. A parte gli scherzi, vi racconto com’è andata.

L’antefatto. Dopo molti anni di matrimonio (beh, non sembra ma sono vecchietto) io e mia moglie abbiamo deciso di concederci una vacanza in grande stile e quindi, con alcuni amici abbiamo prenotato una crociera nel mediterraneo. All’inizio devo confessare che ero titubante perché avevo paura di annoiarmi. Accettato e messo in conto il fatto che non mi sarei allenato per una settimana, la domanda che mi passava per la mente era: ma che si fa su una nave? Si guarda il mare e poi?.

Il fatto. In realtà se dovessi riassumere come si fa per le relazioni tecniche, l’essenza della vacanza trascorsa, potrei citare quattro punti fondamentali: si dorme poco, si mangia tanto, non si sta mai fermi, il tempo vola. A beneficio di chi non è mai stato su una nave da crociera dico che questa ha molti angoli da sfruttare. È una specie di paese viaggiante dove più di 2000 persone si alternano tra: teatro, ballo, relax, ristorante, biblioteca, negozi, piano bar, casinò, piscina, ecc. Ma, ciò che è più interessante per gli sportivi come noi, è che si può fare palestra, tennis e soprattutto jogging.

Per ovvi motivi non cito il nome della compagnia con cui ho viaggiato, vi dico solo che la nave era abbastanza grossa da contenere un percorso a circuito chiuso di circa 450 metri: praticamente uno stadio di calcio. Il percorso era sistemato al livello centrale rispetto all’altezza della nave (livello 6 di 12) dove normalmente sono sistemate le lance di salvataggio e dove si passeggia e, appunto, si può anche correre. Così a pomeriggi alterni mi sono potuto cimentare in “giri di pista” oppure in sprint sui 100 mt o sui 200mt; e non ero neanche da solo! Non che il ponte fosse proprio affollato di runners esperti ma ho fatto lunghe chiacchierate con turisti e personale di servizio in turno di riposo.

Ma com’è correre su una nave? Occorre tener presente che per una nave così grossa il percorso si trova a circa 10 metri d’altezza rispetto al livello dell’acqua e ovviamente per chi non soffre il mal di mare è una sensazione incredibile. Si ha veramente l’impressione di correre sull’acqua, intorno è tutto blu e ovviamente è sempre ventilato. Così ho corso mentre mi trovavo nel bel mezzo del mediterraneo: questa mi mancava.

In conclusione direi che l’esperienza è stata interessante da tutti i punti di vista. Io la ripeterò senz’altro e lancio da qui un invito: sperimentate gente, sperimentate.

L’epilogo. Bisogna anche dire che sono stato fortunato perché non ho mai trovato mare mosso. In quel caso quale sarebbe stata la sensazione? Bah ! . Forse quella del saliscendi ma è meglio non saperlo.

Buone Vacanze a tutti




File Attachment Icon
sullacqua-pic.jpg
File Attachment Icon
sullacqua.jpg