home page   podistica   triathlon   trail   ciclismo   criterium   società   notizie   solidarietà   fototeca   dlf   fidal   aics   links   area riservata   contatti 
Podistica Solidarietà su FacebookPodistica Solidarietà su TwitterPodistica Solidarietà su InstagramPodistica Solidarietà su YouTube

notizie di solidarietà


archivio notizie

Una mano tesa verso l'Africa
di Redazione Podistica, 23/02/2019

Cari amici orange oggi vi facciamo conoscere l'Associazione "Si può fare Onlus", un’associazione laica e le cui opere sono rivolte alla cooperazione e allo sviluppo nei paesi del terzo mondo, in particolare in Africa, per poter migliorare le condizioni di vita dei più bisognosi e dei più indifesi: i bambini.
L'Associazione nasce nel 2008 dall’impegno di un gruppo di amici uniti nello scopo di aiutare il prossimo e dalla voglia di fare la differenza. L'obiettivo è quello di realizzare e sostenere opere di pubblica utilità non solo con le donazioni, ma finanziando e allestendo attività commerciali e produttive in loco i cui utili vengano destinati ai più deboli. In questo modo si può aiutare chi è in difficoltà, dando la speranza ma soprattutto la dignità del lavoro, donando conoscenze e materiali.

Uno dei principali paesi africani in cui è attiva l'Associazione "Si può fare Onlus" è sicuramente il Burkina Faso. Probabilmente qualcuno si chiederà perché proprio in Burkina Faso?
Il Burkina Faso è un paese dell’Africa occidentale, con un PIL pro-capite di 1.300 $, è uno dei paesi più poveri al mondo. La forte disoccupazione spinge all'emigrazione senza speranza di ritorno.
In questo paese in particolare l'Associazione sostiene l’orfanotrofio Pouponnière Joscheba a Ouagadougou, con particolare attenzione alle attività dell'infermeria finanziando l’approvvigionamento di medicinali pediatrici.
Inoltre sostiene la mensa dei bambini poveri presso la Missione delle Suore di S.M. Goretti a Ouagadougou; in particolare ha finanziato direttamente l'ampliamento e ristrutturazione dell’orto che serve la mensa.
"Si può fare Onlus" ha costruito e attivato il Centro di accoglienza per bambini denutriti “Lidia Picchi” a Léo nel sud del Burkina Faso, continuando tutt'oggi a sostenerlo.
L'Associazione ha contribuito alla costruzione di un mulino a sostegno dell'orfanotrofio di Fada N'Gourma che conta più di 50 bambini; il mulino rappresenta un’infrastruttura fondamentale nella zona, rurale e arretrata, dove le sementi si spezzano ancora a mano, con grande spreco e dispendio di energia.
Inoltre ha costruito, attivato, e successivamente ampliato l'allevamento avicolo a Fada N'Gourma, la cui vendita delle uova sostiene il locale orfanotrofio.
Dal 2013 l'Associazione ha iniziato a finanziare la formazione di un infermiere professionale per far si che possa essere operativo presso le strutture sostenute.
Tra le altre opere sviluppate nel paese africano possiamo menzionare anche il finanziamento della costruzione di alcuni negozi a Ouagadougou, nel quartiere di Tampouy, con ben 5.670 euro; la gestione è stata affidata alle Suore dell'Immacolata Concezione che con i ricavi dell'affitto sostengono la Mensa dei bambini poveri e il Centro di accoglienza per bambini denutriti.



L'operato dell'Associazione non si ferma di certo qui, anzi sono pronti per essere realizzati tanti altri progetti tra cui l'acquisto di un generatore a gasolio che alimenti il mulino di Fada N'Gourma; sono stati raccolti i fondi necessari e adesso non resta che verificare le difficoltà di allaccio della corrente elettrica da parte dell’Ente nazionale. Si tratta del progetto più costoso realizzato fin'ora, per un impregno di circa 16.900 euro.
Tutti possono sostenere le attività dell'Associazione, decidendo i progetti a cui destinare la raccolta fondi o proponendo e organizzando la raccolta fondi, oppure ancora partecipando alle raccolta fondi proposta da altri soci.
Annualmente l'Associazione propone un viaggio a tutti i soci per verificare e attivare i progetti finanziati, cioè vedere e toccare con mano propria i risultati. Tutti i costi del viaggio sono a carico dei viaggiatori. Neanche un euro della raccolta fondi viene spese dagli associati/soci.

Chiunque volesse contribuire alle opere di "Si può fare Onlus", soci o non soci, può finanziare i progetti può effettuare una donazione attraverso un bonifico bancario sul c/c intestato ad Associazione "Si può fare" Onlus del Creval Credito Valtellinese di Roma Codice IBAN IT71V0521603218000000000938.

Per ulteriori approfondimenti sull'operato dell'Associazione vi inviatiamo a visitare il loro sito internet all'indirizzo www.sipuofareonlus.it/

Tony Marino

Antonio Marino




File Attachment Icon
g1.JPG
File Attachment Icon
p.JPG
File Attachment Icon
g.jpg