Informativa sulla COOKIE LAW: Questo sito utilizza solo cookie tecnici
 home page   podistica   triathlon   trail   ciclismo   criterium   società   notizie   solidarietà   fototeca   dlf   fidal   aics   links   area riservata   contatti 
Podistica Solidarietà su FacebookPodistica Solidarietà su TwitterPodistica Solidarietà su InstagramPodistica Solidarietà su YouTube

notizie gare podistiche


archivio gare podistiche


calendario gare su strada


calendario gare in regione


calendario gare trail


calendario gare all'estero


11 consigli per la maratona


archivio notizie

La mia Pistoia - Abetone
di Marco Tomassini, 30/06/2018

Sicuramente Siddharta Gautama, il Buddha storico, non ha mai fatto la Pistoia – Abetone, ma deve aver vissuto un'esperienza simile per aver posto come pietra miliare della sua dottrina la frase “La vita è sofferenza”. Dopo aver fatto il Passatore l’anno scorso, avevo deciso per il 2018 di provare questa bellissima e impegnativa gara. Avevo studiato l'altimetria e mi sembrava simile come pendenza alla prima metà del Passatore. Ho scoperto così, a mie spese, che un conto è un disegno su carta un’altra cosa è la realtà che vivi in quelle salite. Per fortuna avevo fatto una buona preparazione e così sono partito abbastanza fiducioso.

Al 5 km con l’inizio della salita (9 Km), che porta a Le Piastre tutto si fa subito difficile con pendenze che arrivano fino al 10%. Le gambe però girano ancora bene, la temperatura non è elevata e riesco a superare abbastanza agevolmente la salita. La discesa che segue aiuta a recuperare le forze, poi al 23° altra salita non impegnativa seguita da una discesa fino a San Marcello (1° traguardo) e da un’altra discesa ripidissima e stancante di 3 Km. A questo punto torniamo al discorso iniziale sulla sofferenza, la durissima salita finale inizia proprio, nel mio caso, con il momento più caldo della giornata.
La prima parte è sotto il sole, poi per fortuna la strada passa per una ombrosissima faggeta. I tornanti si susseguono uno dietro l’altro con pendenza media del 5,5% e massima del 12%. Questa salita sembra non finire mai e i chilometri fatti iniziano a farsi sentire. Ogni tanto sembra che la salita si stia addolcendo ma dopo poco torna a farsi ripida. Al 44° sono stanco fisicamente ma soprattutto mentalmente, avrei bisogno di un supporto morale ma sono l’unico orange presente e nessuno ad incitarmi. Prendo il cellulare e mentre arranco per la salita chiamo a casa. Riesco solo a dire “Nun ce la faccio più”, mia moglie mi incita ad andare avanti e mia figlia Asha da atleta e anche da tecnico mi motiva ad arrivare senza arrendersi.
Le loro parole mi danno una grande carica e riparto di buona lena fino ad arrivare al traguardo con il sorriso e con la gioia di essere riuscito a portare a termine questa ultramaratona.

Naturalmente la Pistoia – Abetone non è solo fatica, i paesaggi sono bellissimi, l'organizzazione è una delle migliori che abbia mai visto in 42 anni di gare. I ristori ogni 3 km pieni di ogni ben di Dio e sempre forniti per tutti gli atleti dal primo all'ultimo. Sento il dovere di ringraziare tutti i volontari che si sono impegnati per la realizzazione di questa splendida e faticosa competizione. La rifarei? Forse in automobile… o forse si?

L’ultramarciatore Marco “Tommy” Tomassini


Gara: Pistoia-Abetone Ultramarathon (24/06/2018)

SCHEDA GARA



File Attachment Icon
p.jpg
File Attachment Icon
g.jpg